martedì 14 novembre 2017

Alcuni stralci dal libro "il segreto delle tre fontane"

Le apparizioni delle tre fontane:
Alcuni stralci dal libro "il segreto delle tre fontane "
(Saverio Gaeta, Il veggente. Il segreto delle Tre Fontane, Salani 2016, p.233)

A pagina 153 del suo libro Saverio Gaeta riporta una annotazione personale di Cornacchiola su un malinteso ecumenismo, che definisce “ecclesiasticamente scorretto”:
“Non posso farmi l’idea che tutte le religioni portano alla redenzione. Tutte le religioni, dicono oggi, danno la salvezza. Ma allora perché Gesù è venuto, se già esistevano tante religioni? Gesù dice: ‘Chi crede in Me sarà salvo’; non chi crede alla sua religione. Se anche i protestanti si salvano, perché la Vergine mi è venuta a chiamare e mi ha detto di rientrare nell’Ovile santo, quando poteva lasciarmi benissimo dov’ero, fra gli avventisti?”.
Il 9 gennaio 1986 Cornacchiola ha un’altra locuzione:
“Oggi gli uomini hanno messo tutte le religioni sullo stesso piano per cui tutte portano a Dio e tutti si salvano. […]. Allora si salvano anche coloro che non accettano Gesù?. […]. Contro la Chiesa satana non può far nulla perché è divina; ma contro le anime che vivono in essa può molto; anzi presenterà il male sotto la veste morale, religiosa, politica e sociale. […]. Chiamo tutti alla conversione, ma per giustizia devo lasciare la mano di mio Figlio: proprio perché si compia la giustizia ” (op. cit., p. 165-166).
Impressionante è la visione avuta il 7 aprile 1966:
“si vede la basilica di San Pietro che ha la faccia tutta rovinata, la guardiamo e piangiamo” (op. cit., p. 169). Il 1° agosto 1966: “Mi son trovato davanti alla chiesa detta della Scala Santa, nella piazza adiacente ove c’è l’obelisco. Vi era allestita come una sala con vescovi e cardinali. D’improvviso crolla sopra molti vescovi, cardinali e altri tutta la facciata della chiesa” (ivi).
Nel messaggio del 1° gennaio 1988 un particolare ammonimento è riservato ai sacerdoti:
“Voi state calpestando le mie pecore e le portate verso la perdizione. Perché non fate più conoscere la mia dottrina? Perché le mie pecorelle le portate dove sono erbe secche e cespugli mortali? […]. Io sono stato ucciso proprio perché la mia dottrina non era la loro (dei farisei) dottrina. Voi avete chiuso la vostra bocca e le orecchie del mio gregge. Avete chiusa la porta della mia Chiesa per non entrarvi voi e non farvi entrare il mio popolo” (op. cit., p. 171).
Nel 1982 la Madonna dà un ulteriore monito ai sacerdoti (che costerà a Cornacchiola tantissime grane):
“essi miseramente girano sicuri senza segni sacerdotali esterni: non solo vivono nel dubbio della fede, ma attirano altri a lasciare la fede […] si sono ubriacati del mondo e del falso modernismo” (op. cit., pp. 172-173).
Una delle visioni più toccanti è quella del 28 aprile 1986. Cornacchiola si trova in piazza San Pietro e la Madonna gli dice:
“anche se chi dà un ordine ti sembra che sbagli, tu sei tenuto ad obbedire, a meno che quest’ordine tocchi la fede, la morale e la carità. Allora no!” (op. cit., p. 174).
Il 12 novembre 1986 la Madonna gli mostra una scena terrificante:
“vedo molti sacerdoti con la loro talare e religiosi e religiose con il loro saio: tutti in fila e degli aguzzini che li spingono e trascinano uno alla volta su un palco di legno. Li facevano inginocchiare e chiedevano loro: ‘Getta l’abito’. Alla risposta ‘No!’ gli prendevano la testa e gliela mettevano su un ceppo e lì venivano decapitati dal boia che aveva una scure” (op. cit., p. 174-175).
Una delle visioni più attuali mi sembra quella del 18 luglio 1996:
“Specialmente tanti miei figli sacerdoti, e anche più in alto, facilmente cadono nella braccia di satana come foglie secche che cadono da un albero al soffio del vento” (op. cit., pp. 181-182).
Il 4 giugno 1964 la Madonna aveva dettato a Cornacchiola una richiesta per
“salvare l’umanità dal diluvio di fuoco” (op. cit., p. 183).
Il 1° gennaio 1988 il veggente riceve una rivelazione che dischiude le porte del futuro:
“Avete degli esempi, Sodoma e Gomorra: non si pentirono, non fecero penitenza e conoscete quello che la giustizia ha fatto di loro. […]. Se non vi convertirete ferro e fuoco scenderà sopra di voi. […]. Quello che voi chiamate pace non è altro che inganno perché manca la conversione e tutto si sta preparando per una satanica guerra” (op. cit., p. 187).
Un’altra apparizione attualissima è quella del 14 agosto 1999:
«La Vergine mi fa vedere religiosi e religiose, sacerdoti, vescovi, cardinali e mi dice: “Sono sordi e stolti! Vedono i segni che sono un richiamo, ma non riflettono sopra questa realtà. […]. Negano Dio uno e trino e si fanno orgogliosamente essi stessi dio”» (op. cit., p. 195).
Il 13 marzo del 2000 la Madonna gli dice:
“la salvezza non è riunire tutte le religioni per farne un ammasso di eresie e di errori, ma convertitevi per l’unità di amore e di fede” (op. cit., p. 204).
21 settembre 1988:
“Quello che ho sognato non si avveri mai, è troppo doloroso e spero che il Signore non permetta che il Papa neghi ogni verità di fede e si metta al posto di Dio. Quanto dolore ho provato nella notte, mi si paralizzavano le gambe e non potevo più muovermi, per quel dolore provato nel vedere la Chiesa ridotta a un ammasso di rovine”.

21 commenti:

irina ha detto...

La chiarezza, senza possibili interpretazioni, della Santa Madre e la semplicità disarmante di Cornacchiola non richiedono alcun approfondimento. Solo la follia può impedirne la comprensione.

Anonimo ha detto...

http://itresentieri.it/la-sosta-ancora-sul-caso-dei-francescani-dellimmacolata/

Anonimo ha detto...

http://www.marcotosatti.com/2017/11/14/parigi-come-bruxelles-una-chiesa-una-pastora-e-lutero-un-gruppo-di-giovani-recita-un-rosario-la-polizia-li-ferma/

Anonimo ha detto...

D. Qual'e' la tua aspirazione , cosa vuoi fare da grande ?
R. Voglio diffondere il Vangelo !
D. Se questa e' la tua decisione fallo seriamente altrimenti non farlo . Ciò che occorre più di tutto è la fedeltà alla Parola di Dio , vaglia sempre tutto e ritieni soltanto quello che e' conforme alla Parola di Dio .

"Nei momenti di oscurità e di difficoltà interiore, volgete il vostro sguardo verso Cristo che un giorno vi ha fissati con amore e vi ha chiamati a stare con Lui e ad occuparvi, alla Sua scuola, del Suo Regno. Ricordate sempre che è essenziale e fondamentale per il ministero sacerdotale, in qualunque modo lo si eserciti, mantenere un legame personale con Gesù. Egli ci vuole suoi "amici", amici che cercano la Sua intimità, seguono i Suoi insegnamenti e si impegnano a farLo conoscere ed amare da tutti. Il Signore ci vuole santi, cioè tutti "Suoi", non preoccupati di costruirci una carriera umanamente interessante o comoda, non alla ricerca del plauso e del successo della gente, ma interamente dediti al bene delle anime, disposti a compiere fino in fondo il nostro dovere con la consapevolezza di essere "servi inutili", lieti di poter offrire il nostro povero apporto alla diffusione del Vangelo."
Discorso alla comunità della Pontificia Accademia Ecclesiastica, 23 maggio 2009

Anonimo ha detto...

Questi ragazzi sono veramente in gamba. In ogni caso i luterani fanno il loro mestiere, è la Gerarchia cattolica che ormai sembra voglia distruggere il Cattolicesimo. tra l'altro ogni tanto qualche protestante si converte alla vera fede. non oso pensare come si possano sentire i neoconvertiti di fronte alle sparate di Padre Sosa Galantino e compagnia cantante. Io ho l'impressione che per loro siamo già salvi tutti, quindi non ha senso occuparsi della salvezza delle anime. questa è la vera tragedia.

Anonimo ha detto...

Bello il video di Parigi come Bruxelles segnalato da Tosatti:
https://www.youtube.com/watch?time_continue=406&v=Tlug4iHfbSY
E' quello che si dovrebbe fare anche in Italia. Tale protesta poi non è riservata solo ai giovani. E tutte le sentinelle in piedi che fine hanno fatto? Si occupano solo della famiglia?

Anonimo ha detto...

Questo breve video spiega molte cose.

https://youtu.be/UxvdUrNG_Ro

Chi non ascolta me , non ascolta colui che mi ha mandato ... ha detto...

Gesu' agli occhi del mondo e' un "fallito" per cui chi ha fatto , fatto , fatto , e tutto quello che ha fatto e' stato agli occhi del mondo un fallimento e viene catalogato tra i "falliti " deve soltanto rallegrarsi ed esultare .
Chi c'era ai piedi della Croce ?
La Sua Santissima Madre !
I Francescani dell'Immacolata avevano messo in pratica l'invito dell'Immacolata : per rimanere fermi e non fuggire da sotto la Croce bisogna rifugiarsi nell'unico sicuro rifugio il Mio Cuore Immacolato , dove e' passato il Verbo incarnato . I Fedeli vivranno presso di Lui nell'amore,perché grazia e misericordia sono riservate ai Suoi eletti.

Sapienza 3
1 Le anime dei giusti, invece, sono nelle mani di Dio,
nessun tormento le toccherà.
2 Agli occhi degli stolti parve che morissero;
la loro fine fu ritenuta una sciagura,
3 la loro partenza da noi una rovina,
ma essi sono nella pace.
4 Anche se agli occhi degli uomini subiscono castighi,
la loro speranza è piena di immortalità.
5 Per una breve pena riceveranno grandi benefici,
perché Dio li ha provati
e li ha trovati degni di sé:
6 li ha saggiati come oro nel crogiuolo
e li ha graditi come un olocausto.
7 Nel giorno del loro giudizio risplenderanno;
come scintille nella stoppia, correranno qua e là.
8 Governeranno le nazioni, avranno potere sui popoli
e il Signore regnerà per sempre su di loro.
9 Quanti confidano in lui comprenderanno la verità;
coloro che gli sono fedeli
vivranno presso di lui nell'amore,
perché grazia e misericordia
sono riservate ai suoi eletti.
10 Ma gli empi per i loro pensieri riceveranno il castigo,
essi che han disprezzato il giusto
e si son ribellati al Signore.
11 Chi ....

Anonimo ha detto...

Ascoltando tutte le inutili chiacchiere calcistiche, come se questi fossero i problemi e le cose serie di cui preoccuparsi, mi viene in mente l'aforisma di Churchill: "Gli italiani perdono le partite di calcio come fossero guerre e le guerre come fossero partite di calcio".

Anonimo ha detto...

Se si pensasse al valore di un'anima.......
Gesu' dice con Divina Sapienza : " Badate a voi stessi " .
Il Signore ha fatto tutto da solo , non ha bisogno di noi , ecco siamo servi inutili , creati per servire il Signore . Preoccupiamoci dell'anima nostra , chi serve Lui e Gli e' fedele non e' spietato verso chi e' caduto nell'infedelta' ma ripara per la salvezza della sua anima e lo aiuta , anche se e' deriso. Badiamo a non scandalizzare perche' il peggiore assassinio interiore e' quello che scalza dall'anima la fede .

Cesare Baronio ha detto...

La mia domanda, forse banale, è questa: Se un sacerdote progressista legge questi (e molti altri messaggi) che si collocano senza ombra di dubbio in un periodo storico che precede i tempi presenti, come fa a non capire che in essi vi è una componente soprannaturale, peraltro perfettamente coerente in tutte le rivelazioni, che ne dimostra oltre ogni ragionevole dubbio l'autenticità e la credibilità? .

Voglio dire, se un veggente mi dicesse, oggi, che la Madonna gli ha rivelato che il Clero è caduto nell'eresia, forse potrei dubitare, perché si tratta di un'affermazione presente relativa al presente. Ma se leggo gli scritti della beata Caterina Emmerich, composti e stampati all'inizio dell'Ottocento, e in essi si parla di una chiesa con due papi con una strana Messa e che mette insieme eretici di tutte le denominazioni, come faccio a non vedere che si tratta della realtà di oggi, annunciata due secoli prima?

E' evidente che la Gerarchia non vuole comprendere, e si ostina a proseguire verso il baratro nonostante i richiami ad invertire la rotta le vengano dalla Scrittura, dalle rivelazioni private e, in ultima analisi, dallo stesso buon senso. Ciechi a guida di ciechi: i primi non vedono dove vanno e pretendono di guidare i secondi che non vedono dove si stanno facendo condurre.

Catholicus ha detto...

" Solo la follia può impedirne la comprensione." : cara Irina, ma questo è il tempo della follia globalizzata, oltre che dell'apostasia globalizzata. Ricorda la profezia di S, Antonio abate "Verrà un tempo in cui gli uomini impazziranno, e al vedere uno che non sia pazzo, gli si avventeranno contro dicendo: “Tu sei pazzo !”, a motivo della sua dissomiglianza da loro" purtroppo siamo in tempi bui, e i pastori (dal sommo pontefice in giù) non ci aiutano a far luce, ma spengono anche i nostri lucignoli fumiganti, affinché non ci accorgiamo che ci stanno avviando verso l'abisso infernale. unico rimedio: il S. Rosario quotidiano, Gesù e Maria, e s. Michele Arcangelo.

Luisa ha detto...

Dei giovani cacciati da una chiesa perchè pregano mentre una "pastora" danza davanti all`altare, una signora anziana arrabbiata contro i giovani che tratta di "connards" ( "str**zi"...ca**i"), la polizia che li trascina fuori, questo succede in una chiesa dove quasi tutto funziona "à l`envers", il bene è diventato male e viceversa, esaltare Lutero e la sua riforma à bello e buono, pregare in riparazione è male e scioccante, è bello che una pazzoide danzi davanti all`altare, è brutto che dei giovani preghino in una chiesa..
C`è da dire che quella chiesa si trova nel quartiere del Marais, il quartiere dove gli omosessuali sono a casa loro, del resto è conosciuto come il quartier gay di Parigi, ma è strano, o forse no, che la Comunità di San Martin, che è piuttosto tradizionale, abbia permesso e partecipato a quello scempio e chiamato la Polizia.
Per chi è interessato qui potete leggere con quale entusiasmo parlono della "molto bella celebrazione (!) all`occasione del cinquecentesimo della Riforma", non una parola sull`espulsione dei giovani cattolici.

http://www.ndbm.fr/celebration-a-loccasion-du-5e-centenaire-de-la-reformation/

Anonimo ha detto...


L'aforisma di Churchill sugli italiani

E'un aforisma cretino, ed è da dubitare che Churchill, qualsiasi cosa si possa dire di lui non certo un cretino, l'abbia effettivamente pronunciato.
H.

Sacerdos quidam ha detto...

Ho dato un'occhiata al sito web della Comunità Saint Martin: a parte un po' più di cura nella liturgia, per il resto intellettualmente si fondano sul Vaticano II.
Di conseguenza, nulla di strano che si prestino a pagliacciate ecumeniche tipo quella a Notre-Dame des Blancs-manteaux e a 'rivalutare' Lutero ed il protestantesimo in generale.
Il parroco p. Benoît-Marie Roque fa appunto esplicito riferimento, per giustificare l'accaduto, agli eventi ecumenici del XX secolo, ossia ai gesti e agli insegnamenti in proposito dei Papi 'conciliari', che Papa Bergoglio non fa altro che portare al loro logico compimento.

"Se anche i protestanti si salvano, perché la Vergine mi è venuta a chiamare e mi ha detto di rientrare nell’Ovile santo, quando poteva lasciarmi benissimo dov’ero, fra gli avventisti?"
Bella domanda del Cornacchiola, chiaramente retorica: da rivolgere appunto ai 'conciliari' di ogni genere e specie.

Valeria Fusetti ha detto...

Anonimo ha detto... che la polizia ha fermato alcuni giovani cattolici che recitavano il Rosario in Chiesa. Ma su you tube si dice che i giovani di cui sopra sono stati portati via dalla polizia perché questa è stata chiamata dai "responsabili della Chiesa",evidentemente gli stessi che avevano chiamato la pastora a danzare (non benissimo, a dire il vero, ma insomma...). A me sembra che questo confermi ancora una volta, se mai ce ne fosse bisogno, che all'interno della Chiesa c'è una frattura che si approfondisce. Nello stesso tempo credo che il Signore abbia permesso questo "sconquasso" perché emergesse,in modo inequivocabile, chi fa parte del "piccolo resto" e chi no. Nella Storia della Salvezza il Signore ha dovuto fare questa operazione di "pulizia di casa" più di una volta, e non è stata mai piacevole, almeno a leggere la Sacra Scrittura. Sino a dove sarà costretto ad arrivare anche questa volta non si sa. Ma lo sa Lui, e questo, come direbbero i giovani francesi, Ca suffit! Intanto, nel processo che procede, molti si chiariranno le idee e decideranno "a chi servire" come fece Giosuè. Il capitolo 24 del Libro omonimo è illuminante e può essere un grande aiuto per la meditazione personale e/o di gruppo.

Metodio ha detto...

@Baronio

Io penso che le parole della Emmerich si riferiscano chiaramente al Concilio e al Postconcilio. Infatti, il 12 luglio 1820 la Emmerich scriveva:

“La Messa era breve. Il Vangelo di San Giovanni non veniva letto alla fine.”

Secondo voi si riferisce alla nuova "messa" che è attualmente in gestazione o alla "messa" montiniana?

Secondo voi la tragedia morale e spirituale dei nostri tempi è dovuta alla ancora inesistente messa ecumenica di Bergoglio o alla messa ecumenica di Paolo VI, lodata e celebrata da Wojtyla e Ratzinger?

Io evito sempre di citare ed interpretare i messaggi dei veggenti. Tuttavia, visto che tutti parlano della Beata Emmerich, ho voluto richiamare l'attenzione su questo passo.

Marco Valentini ha detto...

Chiedo scusa, ma a me pare sia stato tralasciato il pezzo piu' interessante del Cornacchiola che fa cosi:"Quello che ho sognato non si avveri mai, è troppo doloroso e spero che il Signore non permetta che il Papa neghi ogni verità di fede e si metta al posto di Dio. Quanto dolore ho provato nella notte, mi si paralizzavano le gambe e non potevo piu' muovermi per quel dolore provato nel vedere la Chiesa ridotta ad un ammasso di rovine".

fabriziogiudici ha detto...

“La Messa era breve. Il Vangelo di San Giovanni non veniva letto alla fine.”

Be', e che dire di:

[...] e mi è stato anche detto, se ricordo bene, che egli [Lucifero] verrà liberato per un certo periodo cinquanta o sessanta anni prima dell’anno di Cristo 2000.

Un riferimento temporale più preciso di questo...

PS I "due papi" però secondo me è un'altra cosa: mi pare che nella visione la beata vide "un papa del passato" ed un papa del futuro, con due atteggiamenti diversi; con una Chiesa governata rettamente dal primo, e nel caos con il secondo. Certamente la visione è relativa comunque ai nostri tempi, ma non si riferirebbe alla presenza contemporanea di "due papi".

Sacerdos quidam ha detto...

Riguardo alle visioni della Beata Caterina Emmerich circolano da alcuni anni errate interpretazioni.

La prima, riguardo ai famosi 'due Papi': ma la Beata non parlava di due Papi in contemporanea (e quindi non si riferiva al nostro tempo), bensì della differente condotta del Papa del suo tempo (primi decenni del XIX secolo) rispetto a quella di un Papa dei primi secoli. Quest'ultimo, senza potere terreno ma pieno di fede, era riuscito ad ottenere dall'Imperatore (Foca, mi sembra) l'uso del Pantheon, rifiutando di mantenervi le statue degli dei pagani e consacrando quella chiesa al vero Dio con un nuovo nome (Santa Maria ad Martyres).
Il Papa del suo tempo (Pio VII, credo) al contrario, pur avendo potere terreno nei suoi Stati, aveva concesso l'uso di una chiesa di Roma ad una setta protestante, peccando di remissività e di debolezza: e la Beata diceva che Dio condannava tale azione a favore dell'eresia.
I riferimenti bibliografici precisi in questo momento non ho il tempo di cercarli, a Dio piacendo lo farò nei giorni seguenti, si tratta comunque delle visioni narrate nei vari tomi della sua Vita scritti dal p. Schmoeger.

Identica confusione riguardo alla 'Messa breve'. La Beata non parla del rito filoprotestante bugniniano, bensì della visione di una S. Messa all'interno di Santa Maria Maggiore a Roma, alla presenza dell'Imperatore Enrico (in epoca medioevale, comunque), in un'epoca in cui appunto, tra l'altro, l'ultimo Vangelo non era ancora stato aggiunto nel Rito Romano.

Anche qui, spero di dare indicazioni precise in seguito.

Detto questo, la Beata Caterina Emmerich ha avuto visioni davvero profetiche (pensiamo anche solo all'indicazione della liberazione di Lucifero "sessanta o cinquant'anni prima dell'anno 2000", oppure alla predizione del ritorno degli ebrei in Terra Santa, dove si convertiranno "verso la fine del mondo"): e sarebbe davvero il caso di leggere la Vita della Beata scritta dallo Shmoeger, nonché le altre visioni messe per iscritto da Clemens von Brentan.
In traduzione francese, si possono scaricare e leggere qui, sia pure con qualche refuso tipografico:
http://jesusmarie.free.fr/anne_catherine_emmerich.html

Silvano ha detto...

Appero', Cornacchiola e' stato risparmiato nel vivere i tempi odierni, ma i figli, che dicono?