sabato 27 maggio 2017

Church Militant riprende la processione del 3 giugno i cui echi si diffondono. Primo supporto internazionale

Riprendo da Radio Spada. L'impegno, quando è serio, non lascia indifferenti, nel bene e nel male. Nel nostro caso si moltiplicano, insieme agli attacchi, gli appoggi e le adesioni, anche autorevoli, che confortano e  rafforzano la saldezza e la speranza, spronando a organizzare la 'resistenza' in ogni occasione, unendo le forze intorno all'obbiettivo comune di riaffermare la nostra fede che nutre anche il nostro impegno civile. (M.G.)

clicca sull'immagine per ingrandire
ChurchMilitant.com è un sito americano tra i più aggiornati e commentati, che potrebbe essere inserito in area ‘tradizionalista’, con articoli che spaziano dall’attualità ai falsi storici propagandati ai danni della Chiesa.

Nell’articolo di Juliana Freitag si critica l’eccessivo ‘buonismo’, per non parlare apertamente di gravi errori, del clero locale, arrivando a quanto accaduto nel Consiglio Comunale di Reggio Emilia, col capogruppo FI Pagliani in prima fila.

Commenti entusiastici dei lettori chiudono il primo vero supporto internazionale alla processione organizzata dal Comitato Beata Giovanna Scopelli. Questo il link

22 commenti:

Giovanna ha detto...

Un consiglio agli amici del Comitato: il motivo della riparazione non può essere solo "il pubblico scandalo" perché vanno in giro nudi. Se facessero il gay pride col cappotto, allora andrebbe bene?
La cosa davvero gravissima è la propaganda omosessuale che sta dietro al pride, inclusa quella nelle scuole e ai bambini, una roba da macina al collo. Credo che occorra scriverlo nero su bianco con fermezza, perché la gente è stufa di questa propaganda molto più di quanto non lo sia di 4 gay che mostrano le terga. Avreste moltissimo appoggio da tutti.

mic ha detto...

Giovanna,
mi pare ovvio che oltre alla forma si stigmatizzi anche la sostanza!

Alessandro ha detto...

Giovanna si vada a leggere l'atto di riparazione al Sacro Cuore di Pio XI. Atto di riparazione che verrà letto alla processione di Reggio Emilia..

mic ha detto...

Noi lo avevamo proposto qui in occasione dei Vespri anglicani in San Pietro!
E, combinazione, eravamo anche allora in sintonia con la riparazione promossa a Reggio Emilia

http://chiesaepostconcilio.blogspot.it/2017/03/due-eventi-riparazione-dei-vespri.html

mic ha detto...

Lo ripropongo qui.

ATTO DI RIPARAZIONE AL SACRATISSIMO CUORE DI GESÙ

Gesù dolcissimo, il cui immenso amore per gli uomini viene con tanta ingratitudine ripagato di oblìo, di trascuratezza, di disprezzo, ecco che noi prostrati dinanzi ai tuoi altari intendiamo riparare con particolari attestazioni di onore una così indegna freddezza e le ingiurie con le quali da ogni parte viene ferito dagli uomini l’amantissimo tuo Cuore.

Ricordando però che noi pure altre volte ci macchiammo di tanta indegnità e provandone vivissimo dolore, imploriamo anzitutto per noi la tua misericordia, pronti a riparare con volontaria espiazione, non solo i peccati commessi da noi, ma anche quelli di coloro che errando lontano dalla via della salute, o ricusano di seguire Te come pastore e guida ostinandosi nella loro infedeltà, o calpestando le promesse del Battesimo hanno scosso il soavissimo giogo della tua legge.

E mentre intendiamo espiare tutto il cumulo di sì deplorevoli delitti, ci proponiamo di ripararli ciascuno in particolare: l’immodestia e le brutture della vita e dell’abbigliamento, le tante insidie tese dalla corruttela alle anime innocenti, la profanazione dei giorni festivi, le ingiurie esecrande scagliate contro Te e i tuoi Santi, gli insulti lanciati contro il tuo Vicario e l’ordine sacerdotale, le negligenze e gli orribili sacrilegi ond’è profanato lo stesso Sacramento dell’amore divino, e infine le colpe pubbliche delle nazioni che osteggiano i diritti e il magistero della Chiesa da Te fondata.

Oh! potessimo noi lavare col nostro sangue questi affronti! Intanto, come riparazione dell’onore divino conculcato, noi Ti presentiamo — accompagnandola con le espiazioni della Vergine Tua Madre, di tutti i Santi e delle anime pie — quella soddisfazione che Tu stesso un giorno offristi sulla croce al Padre e che ogni giorno rinnovi sugli altari: promettendo con tutto il cuore di voler riparare, per quanto sarà in noi e con l’aiuto della tua grazia, i peccati commessi da noi e dagli altri e l’indifferenza verso sì grande amore con la fermezza della fede, l’innocenza della vita, l’osservanza perfetta della legge evangelica specialmente della carità, e d’impedire inoltre con tutte le nostre forze le ingiurie contro di Te, e di attrarre quanti più potremo al tuo sèguito. Accogli, Te ne preghiamo, o benignissimo Gesù, per intercessione della Beata Vergine Maria Riparatrice, questo volontario ossequio di riparazione, e conservaci fedelissimi nella tua ubbidienza e nel tuo servizio fino alla morte col gran dono della perseveranza, mercé il quale possiamo tutti un giorno pervenire a quella patria, dove Tu col Padre e con lo Spirito Santo vivi e regni, Dio, per tutti i secoli dei secoli. Così sia. (Pio XI, Miserentissimus Redempotr)

Anonimo ha detto...

Riaffermare la verita' , riaffermare che il colore dell'erba e' verde , riaffermare che il bianco e' bianco .
Solidarieta' alla D.ssa De Mari che sta dando una gratuita lezione di medicina , le stesse cose si trovano scritte in qualunque Enciclopedia medica .
http://www.ilgiornale.it/news/cronache/cari-gay-vi-amo-e-questo-vi-dico-verit-1400271.html

Solidarieta' a Mons.Negri che ha rilevato quello che e' sotto i nostri occhi
http://www.lanuovabq.it/it/articoli-il-sussidiario-e-quelle-critiche-sovietiche-a-monsignor-negri-19971.htm

M.G. , se dovesse candidarsi in qualche partito io la votero' !

Anonimo ha detto...

http://it.radiovaticana.va/news/2017/05/19/papa_a_santa_marta_ideologie_chiudono_il_cuore_allo_spirito/1313314

Anonimo ha detto...

Robert Cheaib

«Se chiederete qualche cosa al Padre nel mio nome, egli ve la darà». Come può Gesù fare una proposta così “smentibile”?! Quante cose chiediamo nel suo nome senza essere esauditi?! Tutto sta nel capire cosa significhi questo “nel mio nome”. Non è assolutamente pronunciare la formula magica del nome di Gesù come sostituto dell’abracadabra. Chiedere nel nome di Gesù è essere trasformati, è entrare nel campo di Dio, nelle intenzioni di Dio, nel cuore di Dio perché Gesù è dove è il cuore del Padre (essendo il Figlio amato) ed è dove sono le viscere di Dio (perché il Figlio sta nel seno del Padre, come insegna il Prologo di Giovanni). Chiedere nel nome di Gesù, allora, è un’opera di trasformazione che accettiamo lentamente, accettando di essere simili a Gesù il cui pane è fare la volontà del Padre.

Anonimo ha detto...

Le diverse confessioni hanno celebrato la solennità dell’Ascensione del Signore tutti nello stesso giorno, perché cadeva nella stessa data, come per la Pasqua.

http://www.terrasanctablog.org/2017/05/26/celebrando-lascensione-del-signore/

mic ha detto...

Il Vangelo dell'Ascensione (era giovedì scorso, oggi nel NO)

In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte che Gesù aveva loro indicato.
Quando lo videro, si prostrarono. Essi però dubitarono. Gesù si avvicinò e disse loro: «A me è stato dato ogni potere in cielo e sulla terra. Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo, insegnando loro a osservare tutto ciò che vi ho comandato. Ed ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo». (Mt 28, 16-20)

Anonimo ha detto...

Finalmente qualcosa si sta muovendo nel mondo cattolico! Sosteniamo questi fratelli coraggiosi ed intrepidi nella Fede con la preghiera e l'informazione. Partecipiamo numerosi a questi pubblici atti di riparazione. Christus vincit, Christus regnat, Christus imperat!

Luigi Rmv ha detto...

Solo che bisogna aggiornare questo messaggio del Vangelo di oggi.
Cosa diciamo alle famiglie allargate e omosessuali?
Come si fa a farli discepoli?
Chi sono io per insegnare i comandamenti di Gesù e fare discepoli?
E poi i non credenti, o i credenti in altre religioni, si potrebbero offendere.
E avrebbero regione a sferrarci un pugno.
Del resto adoriamo lo stesso unico Dio.
Ognuno resti della sua fede, o nel suo ateismo e anticlericalismo.
Anzi, è auspicabile che essi rimangano tali, così ci stimolano a migliorare.
Altrimenti si diventa preti 'autoreferenziali'.
Inoltre questo passo del Vangelo può portare al proselitismo, che è una solenne sciocchezza.
A ben vedere, Gesù ha detto che Dio è misericordioso quindi perdonerà comunque tutti, non bisogna mettere troppo l'accento sul peccato, è ora di misericordia.

Ho sintetizzato bene l'aggiornamento del Vangelo di oggi in Bergoglio style?

Anonimo ha detto...

Che la Chiesa diventi ragionevole per partecipazione al Logos divino che ha ordinato nella creazione ogni cosa secondo la sua volontà, dimentichi i peccati scritti in vani testi "sacri", in quanto scaturiti da imperfetti e timorosi istinti e di ignoranza umana di fronte alla luce divina. Che si conformi alla vera legge che scaturisce dal vero Bene e accetti ogni forma d'amore iscritta nel mondo nel suo proprio ordine e li guidi con ragione a ciò che la natura, immagine dell'Altissimo, li ha potenzialmente indirizzati. Gli omosessuali siamo finalmente liberata dall'oppressione ingiusta, sia fisica che psicologica, a cui son sempre stati sottoposti dalle illusorie culture umane. Perché la ragione vera illumina la verità, tanto è vera quanto è semplice. Ciò che esiste esiste in Dio: l'omosessualità che è secondo natura, presente in questo complesso universo in migliaia di specie e negli uomini, uomini che in secoli e secoli hanno vissuto tale naturale condizione sacrificandosi in diversi modi per non decadere sotto la fogace pazzia della massa luciferina e gli uomini che son decaduti. Sia riconosciuto il loro martirio, siamo tenuti in considerazione e amati in quanto uomini, imperfetti nel peccare come ogni altri e possibilitati alla perfezione secondo l'essere che gli è proprio. Abbiano gli stessi diritti nel mondo se possibile, ma la vergogna più grande è che non li hanno da sempre nella Chiesa. Il futuro della Chiesa è eliminare il nome di peccato non solo alla "condizione", ma anche all'atto, perché affermare che è un atto innaturale e amorale è contro ogni ragione, e contro ragione si è contro il vero Dio, che i cattolici ottusi non hanno mai conosciuto. La ragione è amore e libertà... Buffi i cattolici che hanno fondato tutto su un'ideologia del pensiero unico e quando vogliono criticare chi appoggia i movimenti pro LGBT o le istituzioni si attaccano alla libertà di pensiero e al fatto che le istituzioni prendano parte schierandosi... Schierarsi in appoggio a questo tema significa schierarsi non altro che per il vero pensiero che è vera libertà che non toglie niente a nessuno ma dà a chi è stato tolto, ciò è la vera libertà che si instaura nell'uguaglianza. Spero che un ritorno ad una seria teologia sistematica elimini questo oscuramento raggiunto nei tempi moderni dai cattolici, che li fa sembrare se non altro che dei pesci fuor d'acqua e non la luce di Cristo nel mondo, e, recuperando il loro patrimonio, integrino con i nuovi progressi raggiunti il sistema di indagine tomista, così che sposando nuovamente il Cristo, come sposa novella, i fedeli e tutto il collegio episcopale sotto il Romano Pontefice, vicario di Cristo, e per sua bocca, innalzi lode a Dio: ufficialmente con atto irrevocabile riconosca la legge divina, ammetta l'errore umano nel magistero e nell'interpretazione delle scritture ed elimini ogni connotazione di peccato sull'amore, che sia fra due uomini o due donne, ammettendo i gay a tutti e sette i sacramenti. Questa è la mia preghiera. Che i figli dell'Anticristo che abitano e sequestrano è la Chiesa (Anticristo è l'irrazionalità e la presuntuosa ignoranza colma di sofismi e sistemi slacciati dalla vera radice del Verbo) rigetteranno fagocitati di versi di scandalo e di conati di mal sopportazione in tutte le tinte dell'umana vanità frutto di una imperfezione tenuta per perfezione, del falso dio tenuto per Dio e della cecità. Prego anche per loro. Che la Santissima Trinità illumini il mondo. Amen

Anonimo ha detto...

eh sì... Amen. Con buona pace alla Genesi (Sodoma e Gomorra), alla legge biblica, a San Paolo (vedi la lettera ai Romani etc.). Evidentemente erano servi dell'Anticristo. Mariano

mic ha detto...

Semplicemente delirante.
1. Non siamo noi a dire che l'omosessualità non è secondo natura. Lo dice la scienza (Aardweg et alii) e la Sacra Scrittura.
2. Non si condannano e non si respingono le persone ma gli atti e la pseudo-libertà che si tenta di far assurgere a sistema e tutto il corollario che vi è connesso che sta introducendo un'antropologia distruttiva dell'uomo (uomo e donna: maschio e femmina li creò) vera immagine di Dio.

Anonimo ha detto...

"La ragione è amore e libertà..."
E quei gigioni che amano liberamente esseri umani di età inferiore a quella della ragione, li ammettiamo a tutti e sette i sacramenti anche loro. In fondo anche questa realtà esiste da sempre e perciò deve essere buona. E i poligami? In fondo é importante che ci sia amore, giusto? Chissà perché in duemila anni nessuno lo aveva mai capito. QB.

Anonimo ha detto...

Noto che agitprop stanno invadendo tutti i blog cattolici di ogni specie o per difendere a spada sguainata il vdr o i lgbtt e leggi contro la morale, non solo cristiana, non so se si tratta di troll, di invasati o cosa, ma danno parecchio fastidio, come il taliban di cui sopra......insopportabili.

www.mondayvatican.com/vatican/pope-francis-the-sound-of-silence.

Rr ha detto...

Anonimo 15.39:
L' "hasbara" "cattolica".

"La ragione è amore e libertà": chi scrive cosi non ragiona: la ragione, funzione del cervello e mente, è logica, segue determinate regole,
l' amore è un sentimento che ha la sue regole, la libertà è uno stato d'essere che ha, a Sua volta, definizioni e limiti ben diversi dai primi due.
Parole in libertà, appunto, senza raziocinio e senza amore, amore, se non altro, per la logica.

Anonimo ha detto...

Mi ha riferito un collega di università di questa discussione e mi sono fatto un giro qui per farmi grasse risate! 😅 L'ultimo commento pubblicato, nel tentativo di difendere il vostro fanatismo pseudo cattolico, addirittura elimina arbitrariamente Dio dalla discussione ahahahah senza manco accorgervi rinnegate voi stessi, dato che siete ignoranti, quando qualcuno porta argomenti per contraddirvi. L'esercizio della corretta ragione porta immediatamente all'uso delle virtù, quindi alla vera libertà e al vero amore, questo semplicemente diceva il primo, mentre l'uso scorretto della ragione dovrebbe condurre a una falsa libertà o a un falso amore, che per convenzione chiamiamo così, ma non è il loro vero nome, ma li conosciamo nella misura in cui negano i primi. In essi non c'è vera libertà e amore, perché si ha un uso scorretto uso della ragione (v. Aristotele). Mentre per quella corretta l'anonimo vede in Dio il fondamento, nella scorretta si è in realtà schiavi del "peccato'. Vi faccio notare che i costruttivisti kantiani giungono alla stessa conclusione senza però porre Dio. Se non avete argomenti per controbattere perché scrivete? In più, perché non avete lasciato che il commento del mio amico Giovanni venisse pubblicato? Avete paura del corretto confronto e, facendo credere di aver azzittito chi vi ha contraddetto, volete mostrare ai lettori che voi avete ragione! Che disonestà e che approfittatori! So già di per certo che come non avete pubblicato Giovanni non pubblicherete neppure me, perciò mi permetto di offendervi, anche se per voi non dovrebbe trattarsi di un offesa, ma di un complimento: voi non siete cattolici, siete semplicemente fascisti! Posso paragonarevi anche ai comunismi dittatoriali dell'ultimo secolo, scegliete un po' voi, come preferite 😉 Per questo chiamate fanatici, terroristi e sobillatore chi vi contraddice, in realtà, in questo blog, siete il fanatismo e la violenta ignoranza al potere! Siate fieri di ciò che siete.

irina ha detto...

@ Anonimo 8:44
"...perciò mi permetto di offendervi,..."

A tutti capita di essere adirati. Anch'io ieri, per altri motivi, fuori di qui, mi sono molto adirata. Possibile che vecchia come sei ancora cadi in queste trappole? Mi son detta. Sì,succede. I motivi sono tanti ed è bene cercarli con umiltà e pazienza. Poi cercare di riparare, chiedere a Dio di tenerci una mano sulla testa ed una sulla bocca oppure sulle dita che battono la tastiera. Ognuno di noi ha i suoi argomenti, che non sono mai esaustivi, nè ancora proprio nostri. E' un combattimento senza quartiere per la Verità,che infine è molto semplice. Ma per arrivare a quella semplicità ci accapigliamo con noi stessi e con gli altri e con Dio stesso lungo tutta la nostra vita. Non ci ha offeso. Ne parli con il Signore.

Anonimo ha detto...

08.44

Abbiamo capito che università, la Sapienza (si fa per dire), messaggio ricevuto, andate su altri lidi dove vi date sempre e comunque ragione e siete i migliori e più aperti alle novità radicalchic NWO.....noi andiamo a testa alta voi a testa bassa perché non vedete al di là della punta del naso, navel gazers, nothing more. Non mi firmo, come avete fatto voi.Peace and love.

Rr ha detto...

DON' T FEED THE TROLLS !
Non pubblicate e non rispondete a commenti come i due degli anonimi, lunghi, magniloquenti, parolari, sostanzialmente pieni solo di insulti.
E' quello che vogliono. Lasciamoli nel loro brodo. Se ne accorgeranno quando sarà troppo tardi.
Cio che è contro Natura è la Natura stessa a distruggerlo.

Come ho già scritto qui varie volte, cercate di pagare meno tasse possibili: tutte queste psueodverita' si reggono solo con le tasse. Non c'e' nessun imprenditore serio, nessuna iniziativa privata italiana o straniera che investa nelle nostre università, che sono tra le ultime in Italia in tutte le classifiche comunque redatte del mondo.

.