lunedì 16 giugno 2014

L'ospedale, il dono della carità cristiana al mondo!

Dopo secoli di abitudine, si finisce per dare per scontato ciò che non lo è affatto. Sto parlando dell’istituzione ospedaliera, di cui tutti facciamo uso più volte nella vita. Ebbene, prima di Cristo l’ospedale non esisteva. O meglio: ve ne sono stati alcuni, sparsi qua e là, nel corso dei millenni. Sporadici, molto limitati nell’accoglienza, sovente a pagamento.

L’ospedale come luogo di ricovero, aperto a tutti, ricchi e poveri, e accessibile in ogni città, è nato da una nuova idea di Dio e di uomo. Quella cristiana. Come sempre infatti i dogmi religiosi non sono verità intellettuali astratte, che rimangono sospese per aria, ma hanno una ricaduta concreta nella vita di tutti i giorni.

Il valore del corpo

Cristo insegna all’uomo che Dio ha preso una carne: ciò redime la carne, tanto disprezzata dagli gnostici e dalle filosofie orientali. Mostra all’uomo che Dio ha scelto di soffrire: ciò redime il dolore, sovente visto solo e soltanto come maledizione e punizione personale. Dice all’uomo che è morto per tutti noi: ciò insegna l’uguaglianza tra gli uomini, sconosciuta a tutto il mondo antico. Cristo compatisce, guarisce, si prende cura: Carità infinita, infirmus et medicus nello stesso tempo come dicevano i medievali. Cristo insegna a prendersi cura dei più deboli. E ordina di fare altrettanto: «Euntes curate infirmos» (Luca 10,3-9)

Come ha scritto Gregorio di Skevra: «Ha avuto fame, Chi dà cibo a tutte le creature viventi; ha avuto sete, Chi ai suoi credenti dona l’acqua della Vita; ha sentito stanchezza, Chi è riposo degli affaticati; ha pianto, Chi asciugò ogni lacrima da tutti gli occhi».

L’Ospedale figlio della carità cristiana

Nasce così, dunque, nei secoli, l’ospedale: perché ogni cristiano è invitato prendere esempio da Cristo, a vedere con gli occhi della fede, dietro il povero, il pellegrino, il malato, un altro Cristo. “Pauper tamquam Christus”, dicono i medievali e aggiungono: “hospes tamquam Christus”; “infirmus tamquam Christus”… Il povero, l’ospite, il malato, sono “come Cristo”.

Senza questo sguardo non si capirebbe l’azione di Fabiola, che nel 390 d.C. fonda il primo ospedale occidentale: il suo curarsi su corpi distrutti, il suo lavarli, accudirli, nutrirli, in una delle sue dimore di discendente di nobile famiglia. Così scrive di Lei san Gerolamo: «Quante volte ha lavato il pus da piaghe che altri non riuscivano neanche a guardare! Nutriva i pazienti con le sue stesse mani e, anche quando una persona non era altro che un povero corpo scosso dal respiro, lei ne rinfrescava le labbra con alcune gocce d’acqua».

Senza lo sguardo insegnato da Cristo sul prossimo, non si capirebbe l’epopea dei monasteri benedettini, dove per secoli si sono accolti i poveri, per lavare loro i piedi, nutrirli e vestirli; non si capirebbe il fiorire di xenodochi, refugios, hospitales, sulle vie dei grandi pellegrinaggi medievali, verso Roma, Gerusalemme, Santiago di Compostela….

I grandi ospedali medievali

Come nascevano i primi ospedali? Fiorivano dal basso. Non dallo Stato. Non c’erano medici e infermieri pagati, ma volontari che offrivano la propria vita, rinunciando spesso persino a una loro famiglia, per assistere poveri, bisognosi e bambini orfani (detti gettatelli o trovatelli).

A santa Maria della Scala (IX secolo), a Siena, in uno dei più belli ospedali medievali, rettore e oblati, entrando al servizio degli infermi, abbandonavano tutto e donavano i loro beni. Perché l’ospedale aveva bisogno di soldi: non tanto per le cure, ancora rudimentali, ma per rendere il luogo il più possibile accogliente; per pagare le balie che venivano ad allattare i bambini abbandonati; per il vitto e l’alloggio di tanti nullatenenti, la cui povertà portava, spesso, anche all’infermità…

E poi occorrevano soldi perché la struttura fosse bella: l’ospedale medievale assomiglia spesso a una chiesa, con una grande navata; è affrescato dai pittori più famosi dell’epoca, che non dedicano le loro attenzioni solo alle chiese, ma, appunto, anche agli ospedali. Esattamente come avviene con i famosi musicisti, che non di rado dedicano qualche ora del loro tempo per suonare nelle corsie degli ospedali, o per insegnare musica e canto ai bambini trovatelli. Occorrono tanti soldi, per l’ospedale romano di Santo Spirito (XIII secolo): con il suo splendido tiburio, la sua ruota degli esposti, il suo teatro anatomico dove studierà Michelangelo, i suoi portali sontuosi…

L’elemosina del popolo cristiano

Questi soldi vengono spesso dalla proclamazione delle indulgenze: il popolo di Dio dona del suo, fa l’elemosina, per coprire la moltitudine dei propri peccati. Ma poi ci sono le donazioni della gente comune – un letto, degli abiti, del cibo – e quelle più ricche dei signori. Ci sono, soprattutto, i lasciti testamentari, che iniziano spesso con parole come queste: «Pauperes Christi heredes nostros instituimus». Oppure i soldi di grandi mercanti profondamente religiosi, o che si pentono dopo una vita non sempre esemplare. O che sono abituati, per formazione religiosa, a non dimenticare mai le elemosine. O che vengono richiamati, dopo tanti affari, a pensare alla salvezza dell’anima, e finiscono qualche volta persino per donare tutto e passare gli ultimi anni di vita in estrema frugalità.

L’elemosina sovente cresce durante i periodi più duri, quando imperversa una pestilenza, perché è proprio un simile male – “castigo e misericordia”, come direbbe Manzoni – che, come scrisse nel 251 d.C san Cipriano di Cartagine, «mette a prova la santità di ognuno e pesa sulla bilancia il cuore umano, giudica cioè se i sani servono gli infermi, se i parenti assistono pietosamente i parenti, se i padroni hanno pietà dei servi languenti, se i medici abbandonano i malati che li cercano, se i delinquenti frenano le loro violenze, se gli usurai smorzano gli ardori indomabili della loro avarizia».

Così durante la terribile pestilenza del 1347, molti ospedali crescono e si ingrandiscono grazie alla beneficenza.

Analogamente durante la peste del 1630, a Pistoia, in un’epoca in cui lo Stato è già entrato da tempo a fianco della Chiesa e delle confraternite laiche nell’assistenza, una buona parte del denaro speso durante l’epidemia arriva proprio dalle donazioni. Scrivono gli storici William Naphy e A. Spicer: «In un anno normale le entrate cittadine ammontavano a 28.000 scudi. L’epidemia costò almeno 9100 scudi equivalenti al 36% delle entrate pubbliche. Come poteva una cittadina affrontare un simile esborso di pubblico denaro soprattutto durante una crisi che, per sua stessa natura, comportava il crollo della base imponibile?». Poteva perché nel 1630 a Pistoia, come nel resto d’Italia, esistevano da secoli il welfare state della carità cristiana, le offerte dei Monti di pietà, gli ausili delle fondazioni di carità create da fedeli benestanti, con cui si provvide a circa la metà dei bisogni.

La storia degli ospedali, che continua con personalità straordinarie come quella di Ettore Vernazza, Giovanni di Dio, Camillo de Lellis… è una epopea stupenda, che dimostra cosa significhi la forza dell’amore di Dio, attingendo al quale anche noi, poveri uomini, possiamo grandi cose.
Francesco Agnoli
[Fonte: Il giudizio cattolico]

4 commenti:

Rr ha detto...

Grazie. Cosi mi ricordo perche ho voluto essere medico.
Rr

AICI ha detto...

Purtroppo lo spirito di missionarietà laica è oramai poca cosa negli ospedali!
Altro che abbandonare tutto per i malati; oggi certe corsie sembrano il set Beautiful tra intrighi di s***o e potere tra medici ed infermieri e non parliamo dei dirigenti calati dall'alto ke non sanno niente di medicina....
Detto tutto qyesto, il Servizio Sanitario Nazionale Italiano per un miracolo divino rimane il migliore al mondo.

Rr ha detto...

AICI,
sorry to break the news, ma il nostro SSN NON e' il migliore al mondo, e' come tutto il Paese, va meglio al Nord e nelle medie città, peggio al Sud e nelle grosse citta'. Si regge sui medici ed infermieri che, nonostante spesso mal pagati, continuano a credere nella professione e che, senza fanfare, si mettono una mano sulla coscienza, e a volte sul portafoglio, per aiutare i poveracci.Purtroppo la preparzione specifica, culturale in genere ed anche caratteriale, dei "lavoratori della sanita", sta rapidamente deteriorandosi, e nonstante poche lodevoli eccezioni, gli stranieri, doc e infermieri, non sono all' altezza.
Quando il siste ma tra 10 anni circa crollera', perche' troppi anziani, troppi stranieri, e pochi " lavoratori" bravi, v. Quello che sta succedendo in UK, ci saremo noi malati, e quelli che han voluto e preparato il casino, saranno o morti o emigrati in bei paradisi fiscali.
Rr

AICI ha detto...

Lo so che in assoluto non è il migliore ma non volevo fare post sempre troppo fatalisti.
So che si regge su la parte buona di medici e di infermieri che danno amore gratuito al paziente ma è anche vero che di sistema gratuito che cura tutti solo il nostro paese lo ha in modo caratterizzante.
Certo, in Inghilterra ti danno i soldi per il taxi se dopo la degenza non hai chi ti porta a casa ed a Cuba ti danno gratis le cure a base di veleno di scorpione per curarti il tumore ma il sistema italiano è forse quello più vicino all'idea iniziale su cui viaggiavano idealmente gli ospedali in principio come tratteggiato dall'articolo.
E' vero in Italia sempre più il privato fa capolino e nel pubblico per saltare la fila basta che conosci la persona giusta ma almeno non ti fanno scegliere quale delle dita vuoi che ti riattacchino-inchiesta Michael Moore- dato che l'assicurazione può coprire la spesa di impianto di un solo dito....questa è anke la democratica America.